Il Giro del Mondo in Bicicletta

Il giro del mondo in Bicicletta è il progetto di Giovanni,Marco e Francesco. 5 continenti in Bici. Bike World tour,a 7 years dream..Cycling through 5 continents. La bicicletta come casa e il mondo come giardino. Un modo di vivere strano, ma potente... Siamo partiti il 17 Febbraio 2013 e oggi 15 Read more

Uno strano arcobaleno..Francy

DSC00774Sudafrica. Pedaliamo tutto il Sud, da Cape Town fino a Durban, poi su verso lo Swaziland. Iniziamo dal Capo, di cui i primi scopritori europei furono i navigatori portoghesi, poi succeduti dagli olandesi che fondarono la prima colonia, sconfitti poi dagli inglesi che ne presero il possesso. Cominciamo ad ascoltare le prime storie sudafricane, dall’apartheid indietro fino alle guerre anglo-boere, cioè le guerre degli inglesi contro gli olandesi che si erano stanziati fino a diventare agricoltori, in olandese appunto boer. Read more

Posted on Leave a comment

Il peso dell’Africa..Gio

DSC00759Ci sono mattine all’alba in cui uscire dalla tenda è più difficile. Una strana gravità ci tiene incollati al suolo, è come una sana paura per ciò che ci aspetta. È il peso dell’Africa che ci schiaccia, è l’idea un po’ folle di voler attraversare questo immenso continente in bici. Mi dico di non pensarci, di affrontare il tutto giorno per giorno, pedalata dopo pedalata, paese dopo paese. Read more

Posted on Leave a comment

I colori del Brasile..Francy

IMG_20180702_121213Otto milioni di km quadrati, quasi trenta volte l’Italia. 210 milioni di abitanti. In Brasile trovi tutto, trovi tutti. Di tutti i gusti e per tutti i gusti. Neri, bianchi, mulatti. Indigeni, discendenti di africani, portoghesi, italiani, giapponesi, tedeschi, polacchi e mille altri. E ogni colorata combinazione di questi.
La maggior parte sono figli e nipoti di immigrati, che qualche generazione fa portarono con sé il loro bagaglio di cultura, tradizione e religione.
In comune hanno solo l’essere 100% brasiliani e la lingua, il portoghese, in una versione molto più cantata e dai suoni meno duri rispetto all’originale oltre oceano. Read more

Posted on Leave a comment

Ospitalita’ indotta.. Gio

DSC00524Nel ventunesimo secolo viaggiare è facile e alla portata di tutti. Online si prenota qualsiasi cosa fino a pianificare la vacanza al minimo dettaglio.
In questi anni però ho preferito tracciare una rotta su una mappa di carta e affidarmi al caso. Mi continua a piacere l’idea di entrare in una piazza di una città sconosciuta e vedere le reazioni della gente davanti allo straniero. Mi siedo in una panchina con la bici affianco e mentre mangio un panino aspetto che succeda qualcosa. Read more

Posted on Leave a comment

Io sono nel giusto..Francy pubblished at R&D

IMG_20171129_141440
I motociclisti che incrociamo per strada ci salutano alzando solo due dita, senza lasciare la presa del manubrio. Noi a volte per scherzo rispondiamo allo stesso modo, e commentiamo con i classici “Ah facile così! Quelli la sera gli spaghetti non se li gustano mica come noi…” Read more

Posted on Leave a comment

Uruguay el paesito..gio pubblicato su R&D

DSC00217Un pedazo de tierra entres dos gigantes. Questo é Uruguay, una piccola pianura tra l´infinito Brasile portoghese e la sterminata Argentina spagnola. Un triangolo di terra geográficamente strategico sulla sponda Nord del rio della Plata, porto commerciale dell`America latina. Gli inglesi duecento anni fa ne capirono l´importanza e “tutelarono” i neonati uruguagi dalle pretese colonialiste di Portogallo e Spagna. In cambio chiesero il controllo del porto, buoni affaristi questi inglesi. Read more

Posted on Leave a comment

Un mate in Uruguay..Gio

DSC00141In una mano l`ombrello per proteggersi dal cielo grigio e permaloso, sotto braccio um thermos di acqua calda e nell`altra mano uno strano biccchiere: il porongo, ricavato da una piccola zucca svuotata. Vuoi venire con noi per un mate? Mi domanda Florencia in compagnia dei suoi amici. Ci sediamo sul prato nel parco. Lei riempie il porongo di yerba mate, posiziona una cannuccia di acciaio nel centro, che mi dice chiamarsi bombilla e versa acqua calda in infusione. Siamo seduti in cerchio e questo unico mate per tutti che passa di mano in mano é la scusa perfetta per farsi compagnia. Io sono felice di partecipare a questo rituale sud americano. Read more

Posted on Leave a comment

Patagonia..Francy e Adur sullo sterrato australe

IMG_20171227_114909Alcuni amici mi chiedono perché la Patagonia sia così famosa e se meriti davvero una visita. Me lo chiedo anche io da dove venga il suo incredibile fascino.
Abbiamo pedalato 2 mesi e mezzo in queste terre selvagge fra Argentina e Cile. Siamo passati per foreste lussureggianti, terre di laghi, fiumi e ghiacciai, dove tutto sembrava fatto di acqua e per l’acqua. Read more

Posted on Leave a comment

Cile..di un Francy perplesso

IMG_20171117_130336È strano come dal Paese sudamericano del quale avessi più aspettative, abbia ricevuto le maggiori sorprese e delusioni.
In realtà, come tanti, non conoscevo altro che i libri di Isabel Allende e Luís Sepulveda, però mi erano ingenuamente bastati per crearmi un’idea di un Paese che lotta contro i prepotenti a favore dell’uguaglianza sociale, anche a costo della sua libertà e della sua vita. Read more

Posted on Leave a comment

Pausa..Gio con un tendine rotto

IMG_20171209_170238Crack, come il rumore che ho percepito qualche giorno fa nel Sud del Cile. Il rumore di qualcosa che si rompeva dentro di me. Mi sono seduto a terra e non ho pianto perchè ero ottimista.
“Signore lei ha il tendine d’Achille completamente rotto. E’ da operare.”
Crack, come il gracchiare della voce di un antipatico dottore Cileno, che con poche asettiche parole e senza un saluto, metteva in pausa il mio sogno chiamato viaggio. Sì, in pausa un sogno. Pochi istanti dopo stavo ragionando sulle possibili opzioni. Essere operati in Patagonia da mani sconosciute non mi convinceva e ancor più non volevo vincolare mio fratello a fermarsi per aspettarmi. Questo viaggio nel Mondo chiamato MaGio Bike Tour non è solo il mio, ma è di chiunque ne sposi l’idea.
Questa pedalata è di Marco che l’ha iniziata e di voi lettori che ne seguite le peripezie. Read more

Posted on Leave a comment