Il Giro del Mondo in Bicicletta

Il giro del mondo in Bicicletta è il progetto di Giovanni,Marco e Francesco. 5 continenti in Bici. Bike World tour,a 5 years dream..Cycling through 5 continents. La bicicletta come casa e il mondo come giardino. Un modo di vivere strano, ma potente... Siamo partiti il 17 Febbraio 2013 e oggi 13 Read more

Mongolia baciata

Non una goccia d’acqua nei lunghi mesi d’estate
solo vecchi pastori e vagabondi nelle vallate.
Nostalgiche e sorridenti le genti della Mongolia
ricordano ancora il Khan a cavallo fino all’Anatolia. Read more

Posted on Leave a comment

Segni di Amore nel deserto

Deserto quando ti incontro tremo. Mi intimorisci ma non mi fermi, ho bisogno di attraversarti e di conoscermi. E’ sparito anche l’unico albero così come la mia ultima e inutile sicurezza. L’erba gialla e morta è l’estremo confino, posso ancora tornare indietro, ma non lo faccio mai. Read more

Posted on Leave a comment

Il vento dei Gobi..pubblicato su Ravenna&Dintorni

Il vento è un nemico ostico. L’aria che si muove a velocità folle non ha ostacoli nello spazio aperto del brullo Gobi, terra sterminata e incolta, assolata e stepposa. Non un albero, non una costruzione, niente barriere.
Puntini in movimento, siamo in balia della corrente che soffia forte da nord-est o da nord-ovest, portando con se il fresco siberiano. Read more

Posted on Leave a comment

Mongolia primo giorno..pubblicato su Ravenna&Dintorni

Sono scalzo e le dita dei piedi giocano con la sabbia tiepida e ocra del deserto. Le mie mani sono nere, sporche di catena e polvere, mani abbronzate di nomade in viaggio. Davanti agli occhi una distesa piatta e infinita di ostinati ciuffi d’erba sul terreno più arido e desolante che abbia mai incontrato. Read more

Posted on Leave a comment

La muraglia cinese..articolo pubblicato su Ravenna&Dintorni

Siamo grandi e ricchi, così pensavano gli imperatori cinesi mille anni fa. Dobbiamo proteggerci dagli stranieri, dalle invasioni, dai mongoli. Non ci sono montagne abbastanza impervie da isolarci e nemmeno fiumi possenti dietro cui trincerarsi. Ergiamo un muro dunque, una massiccia e alta parete. Chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori, pensavano. Read more

Posted on Leave a comment

Emozioni cinesi

Sorrido ingenuamente ritrovandomi smentito davanti ai miei banali preconcetti.
Una mattina di qualche giorno fa mi svegliai presto e aprendo la cerniera della tenda trovai intorno a me il silenzio, poi il fruscio delle foglie e nessuna persona. Sentii un brivido di felicità. Chissà, credevo che i cinesi fossero ovunque, quasi uno sopra l’altro ma non era così. Read more

Posted on Leave a comment

Formiche..pubblicato su Ravenna&Dintorni

Le formiche sono dappertutto, non esiste luogo in cui non le trovi e se non le vedo appena picchetto la tenda, nel tempo di un minuto eccole che arrivano. Sono organizzate, come condotte da un direttore d’orchestra, se una di loro rintraccia una briciola ,la esamina attentamente una decina di secondi prima di raccoglierla e portarla con se nel buchino del terreno. Read more

Posted on Leave a comment

Curiosamente discreti..articolo pubblicato su Ravenna&Dintorni

Infinite distese di grano dorato mi accompagnano lungo la fertile pianura verso Beijing, laddove mi aspettavo solo risaie e risaie. Un uomo distratto mi supera in macchina tagliandomi la strada, poi si accorge di me, si ferma e vuole una foto. Mi sorride offrendomi una sigaretta come benvenuto, stranito del mio non vizio inizia un monologo incompreso e solitario. Read more

Posted on Leave a comment

Il villaggio sotto una autostrada

Il sole era ancora alto alle cinque del pomeriggio nel Sud del Sichuan, grande regione della Cina centrale. Avevamo ancora tempo, ma già da sei ore pestavamo rabbiosamente i pedali su salite senza mai fine e il contachilometri per di più segnava 102 chilometri, abbastanza per un dì normale di viaggio. Read more

Posted on Leave a comment

Bambagia..articolo pubblicato su Ravenna&Dintorni

Mengzi è il nome della prima vera città che incontriamo in Cina a circa duecentocinquanta chilometri a nord della frontiera di Lao Cai, ultimo porto vietnamita. Siamo a pochi passi sotto la linea del tropico del cancro ad un altezza di circa mille metri sopra il livello del mare. Read more

Posted on Leave a comment